Stagione 2020-2021

About

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. It’s easy. Just click “Edit Text” or double click me to add your own content and make changes to the font. I’m a great place for you to tell a story and let your users know a little more about you.

ovvero ... “Capoeira è per uomini, donne e bambini: gli unici che non la imparano sono quelli che non lo desiderano."

La capoeira è una disciplina afro-brasiliana che ha ormai conquistato il mondo e, dal 2014, è riconosciuta Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Questa lotta mascherata come danza fu sviluppata dagli schiavi brasiliani nell'epoca del colonialismo e oggigiorno è divenuta simbolo di libertà di espressione e di movimento. ​ 

 

Nella Capoeira lotta, danza e musica generano una simbiosi perfetta di forza e ritmo, poesia e agilità. Sublimazione degli antagonismi, i competitori non sono rivali, sono compagni. Non lottano, fingono di lottare , cercano con genialità di dare una visione artistica al combattimento. Il capoeirista è un artista, è un atleta, è un giocatore, è un poeta.

Ti invitiamo a provare una lezione e siamo sicuri che ti divertirai allenandoti insieme a noi, “jogando” nella “roda de capoeira”, suonando gli strumenti e cantando le canzoni tradizionali. ​

 

Contattaci per maggiori informazioni e per una lezione di prova gratuita! Non è richiesta preparazione atletica.

 

Storia e cultura

La Capoeira nasce nei campi di schiavitù del Brasile come forma di allenamento dissimulato che agli occhi dei carcerieri, appariva come la coreografia di una danza. Per le sue caratteristiche assume quindi nel tempo la funzione di aggregazione, tanto da venire per anni osteggiata dai regimi oppressori. In tempi moderni ne viene riconosciuta la valenza sociale ed educativa, tanto da divenire sport nazionale brasiliano. Ancora oggi costituisce uno dei più efficaci strumenti di emancipazione con cui i bambini ed i giovani vengono tolti dalla vita di strada.

MUSICA

La differenza principale fra la capoeira e le altre arti marziali, anche agli occhi di un inesperto, è senza dubbio la presenza della musica e delle canzoni. I movimenti sono sincronizzati con il ritmo e tramite i testi delle canzoni tradizionali, la musica e gli strumenti si impara una parte importante della cultura e della storia afro-brasiliana.

 

Lo strumento simbolo della capoeira è il berimbau. Semplice nella sua costruzione, è composto da un’asta incurvata di legno flessibile, un filo d’acciaio teso tra le due estremità e una zucca legata alla parte inferiore dell’arco come cassa di risonanza. Insieme ad altri strumenti come il pandeiro (tamburello), l’atabaque (conga), il reco-reco e l’agôgô, compone l’orchestra della roda di capoeira.

 

Esistono tipi di gioco diversi a seconda del ritmo: attraverso la musica, i suonatori possono modificare il gioco, comunicare messaggi al pubblico e ai giocatori. Tutti nella roda partecipano all’energia del gioco cantando in portoghese varie strutture di musiche come ladainha, quadra, chula e corridos.

 
 

ARTE e DANZA

La particolarità della capoeira di oggi è l’assenza di contatto fisico tra i due lottatori-danzatori, che stabiliscono tra loro una sorta di dialogo corporeo. I movimenti non sono coreografati bensì improvvisati, in un affascinante turbinio di sincronismo ed acrobazia che richiede agilità e coordinazione.

 

La Capoeira è indissolubilmente legata alle altre forme di cultura tradizionale afro-brasiliana. Il maculelê ad esempio é una danza che prevede l’uso di bastoni di legno a simboleggiare i maceti usati nei campi di canna da zucchero. La danza Afro che interpreta con le sue movenze gli Orixa, emanazioni del Dio unico Olorun al centro della religione Candomblé. E ancora la puxada de rede, la samba di roda e tanti altri elementi folkloristici con cui si interagisce naturalmente nell’apprendimento della Capoeira.

Contattaci

Paulo: +39 346 715 7994

informazioni @ capoeiratrento.org

  • Facebook - White Circle
  • YouTube - White Circle
  • Flickr - White Circle
 

Copyright © 2020 Associazione Capoeira Trento